martedì 21 aprile 2020

In Polonia per raccontare i giochi della tradizione sarda

 
Dal 10 al 18 Gennaio 2020, nella municipalità di Olsztyn (Polonia), si è svolto lo scambio giovanile “Games Factory”, ospitato dall’ associazione “Helping Hands”. Tale progetto ha visto coinvolti 30 ragazzi, provenienti da Polonia, Lituania, Estonia, Romania e Italia, rappresentata attraverso “Associazione Studenti per la città” dai ragazzi del “Liceo Classico Siotto”: Elena, Eleonora, Martina, Noemi ed Edoardo, accompagnati da Alberto. 
Gli obiettivi dello scambio sono stati quelli di rompere le barriere culturali e linguistiche, conoscere la cultura degli altri paesi e, attraverso la rievocazione e condivisione di giochi tipici nazionali, creare e presentare delle nuove formule ludiche ai bambini delle scuole di Olsztyn.

Nei primi giorni, attraverso l'educazione non formale, attività di     team building e ice breaking games, il gruppo ha familiarizzato al fine di lavorare maggiormente in armonia. 

A seguire, ogni nazione ha presentato agli altri partecipanti i propri giochi di infanzia tipici, fattore che ha fornito a tutti l’opportunità di imparare elementi culturali caratteristici e confrontare le proprie tradizioni. 
Tra city tour, pattinate sul ghiaccio e la scoperta di un nuovo mondo nella fredda ma calorosissima cittadina, patria del Castello di Copernico, inondata da un grandissimo clima natalizio, i ragazzi, con la propria creatività e fantasia, hanno elaborato e ultimato i nuovi giochi da presentare ai bambini nelle scuole.

L’esito del progetto è stato a dir poco soddisfacente: sono stati creati e presentati 4 giochi, da effettuare senza l’utilizzo di apparecchi elettronici, volti allo sviluppo delle capacità trasversali dei giocatori, i quali hanno particolarmente apprezzato le attività.
Al termine del progetto sono stati rilasciati i certificati  “Youth Pass” ai partecipanti che, in questa settimana di condivisione, scoperta, apprendimento e divertimento, hanno sviluppato diverse competenze trasversali (soft skills), eternamente utili allo sviluppo e crescita personale. 
Al termine di questa magnifica esperienza, quando il gruppo è diventato una grande famiglia, quando non si è pronti a tornare a casa, quando non si vuole smettere di condividere, è facilmente osservabile quanto il potenziale degli Erasmus+ sia forte e concreto per quanto concerne crescita, apprendimento, divertimento, inclusione e abbattimento delle barriere socio-culturali. 

*Life begins at the end of your comfort zone.

lunedì 24 febbraio 2020

Ambasciatori dell'Isola


Diario di bordo dell’European Winter Week


Si  è  da  poco  conclusa  un’altra  edizione  dell’European  Winter Week,   un   progetto   di   scambio   giovanile   del   programma ERASMUS + Youth Exchange dell’Unione Europea, il quale ha permesso a 6 ragazzi e ragazze sardi volontari dell’ Associazione  Studenti  per  la  città di  poter  partecipare  ai lavori   del   progetto   internazionale   durante   i   10   giorni   di permanenza  nella  città  di  Velika  Plana,  in  Serbia,  vicino  la capitale Belgrado.
Gli scambi giovanili (o Youth Exchange in inglese) permettono a gruppi  di  giovani  provenienti  da  diversi  paesi  di  incontrarsi, vivere insieme e lavorare su progetti condivisi per brevi periodi. Questi  scambi  hanno  luogo  al  di  fuori  dell’ambiente  scolastico durante il   quale   si   partecipa   ad   attività   come   workshop, esercitazioni,  discussioni,  giochi  di  ruolo,  attività  all’aperto, escursioni  e  molto  altro  ancora. 

La  necessità  di  progetti  come questo   deriva   proprio   dall’idea   di   abbattere   stereotipi   e pregiudizi che, combinati con la paura dell'ignoto e la mancanza di  informazioni,  strumenti  o  abilità  per  superarlo,  portano  alla chiusura  verso  l’alterità.  Dietro  la  prima  impressione,  acquisita principalmente   dalla   percezione   audiovisiva   (come   aspetto fisico,   abbigliamento,   danza,   musica,   ecc.)   ci   sono   molte caratteristiche che possono essere raggiunte solo dopo un po' di tempo  trascorso  come  membro  della  società  di  una  nazione grazie alla sua comprensione più profonda, come ad esempio le norme sociali, credenze, costumi, etica, valori, spazio personale e contatto fisico, modi di comunicazione e linguaggio del corpo, modo di comprendere la storia e l'identità nazionale ed altri.

«Lo  scopo  di  questo  scambio  è  stato  quello  di  sviluppare atteggiamenti positivi nei confronti della diversità ed anche della nostra cultura natia, italiana e sarda, che abbiamo avuto l’onore di presentare durante la giornata dedicata al nostro gruppo, in un clima  disteso  dove  il  desiderio  di  conoscere  e  comprendere l'importanza  e  la  bellezza  della  diversità  culturale  si  è  fatto primo  pilastro  dell’European  Winter  Week»  ha  detto  Simone Cuccu  (25  anni),  volontario  dell’associazione  Studenti  per  la città.

«La  cosa  che  più  affascina  è  sempre  quella  di  vedere  quante persone  del  posto  si  presentano  curiose  per  conoscere  gli  altri paesi  dell’Europa  e  i  loro  cittadini  in  visita  nel  mio  paese»  ha affermato Dusan Nikolic (25 anni) dell’organizzazione ospitante Odred izvidjaca 10. Oktobar? (Serbia).

«Anche  il  clima  è  un'esperienza  davvero  diversa  ma  tutto contribuisce  e  ha  contribuito  a  rendere  le  sensazioni  e  le emozioni  migliori.  A  nome  del  team  spagnolo,  non  vediamo l’ora  di   poter  rivedere   tutti  quanti   nella   nostra  Spagna   o dovunque nel mondo» ha dichiarato David Sánchez Olivares (25 anni), dalle Isole Canarie (Spagna), presidente dell’associazione giovanile Sal Fuera ELX.

Nikita Naumov (24 anni), presidente dell’associazione MTU YST (Estonia), ha detto: «La Serbia è un paese molto diverso rispetto a  ciò  di  cui  siamo  abituati  in  Estonia  ma  tutto  il  nostro  team concorda  sul  fatto  che  sono  le  persone  che  hanno  reso  l'intero progetto un'esperienza piacevole e indimenticabile»

«Le attività di team building sono state davvero ben strutturate. Penso che noi tutti abbiamo fatto un buon lavoro presentando la Lituania ed eravamo molto interessati alle presentazioni di altri. Vorremmo  visitare  la  Sardegna  un  giorno»  ha  commentato scherzosamente Simonas Vasiliauskas (20 anni) dell’associazione V Inceptus (Lituania).

Luca BIGGIO

lunedì 13 gennaio 2020

YARD - Youth Ambassadors for Rural Development


“YARD” è l’acronimo di “Youth Ambassadors for Rural Development” ossia “Giovani ambasciatori delle aree rurali”, nome del progetto che ci ha coinvolto in attività di valorizzazione di aree rurali e periferiche, scambio e condivisione di buone pratiche.

Dalla Sardegna, una delegazione composta da 5 giovani provenienti da diverse aree della regione,  ha avuto la possibilità di prendere parte alle attività del progetto per approfondire il tema e confrontarsi con esperienze di successo. Attraverso il confronto tra giovani con bagagli culturali ed esperienze diverse, infatti, è stato possibile sviluppare nuovi strumenti e linee guida, ciascuno frutto di esperienze positive sul territorio.

Una ricca agenda formativa, caratterizzata da momenti di apprendimento pratici basati su metodologie non-formali di educazione alternate a incontri frontali, escursioni sul territorio e analisi di casi studio e buone pratiche, ha impegnato i ragazzi in attività di promozione e valorizzazione del territorio.

Grazie alla partecipazione di imprenditori affermati e giovani imprenditori con attività già avviata, è stato possibile comprendere da vicino le nuove sfide, analizzare il concetto di innovazione e apprendere le basi del marketing fondamentali nel nuovo mercato globale. Il dibattito si è focalizzato sul come si devono valorizzare le potenzialità del territorio a partire dalle produzioni locali e dai servizi legati alla tradizione, specie nei settori agroalimentare, ambientale e culturale.

Al fine di promuovere il dialogo e la partecipazione coi giovani del posto e far comprendere le esigenze delle piccole comunità rurali, le attività del progetto sono state ospitate nel piccolo paese di Moncao al confine con la Spagna. Momenti di svago, cene interculturali, balli e danze hanno animato le serate del paesino con l’animazione dei 40 giovani provenienti dall’Italia, dal Portogallo, dalla Romania, dall’Ungheria, da Cipro, dalla Serbia, dalla Turchia, dalla vicina Spagna e, naturalmente, dal Portogallo.

Dietro le opportunità offerte dal programma Erasmus+ si celano importanti occasioni di apprendimento e confronto su temi che ci toccano da vicino, specie per noi che arriviamo da una regione insulare, quindi con una situazione di svantaggio geografico”, le parole del Presidente dell’Associazione Studenti per la Città al termine della fase di valutazione del progetto.

È stata senz’altro un’esperienza altamente formativa, con un bel gruppo di giovani motivati e pronti a condividere esperienze e idee sul tema, per questo siamo molto contenti di aver contributo alle attività del progetto e con esse al suo successo”, commentano Simone, Gianluigi, Mattia, Wissal e Irene.

Youth Ambassadors for Rural Development” è un progetto che rientra nell’Azione Chiave 1 del programma “Erasmus Plus” al cui interno si è realizzato uno scambio internazionale di giovani ospitato in Portogallo dal 11 al 20 Dicembre 2019.


Simone, Gianluigi, Mattia, Wissal e Irene

lunedì 4 novembre 2019

La porta sull’Europa: incontro sulle opportunità di mobilità


Mercoledì 23 ottobre 2019 si è tenuto, nella sala conferenza della Mediateca del Mediterraneo, l’incontro pubblico dal titolo “La porta sull’Europa” organizzato dal partner locale, Associazione TDM 2000, al quale hanno preso parte diverse organizzazioni giovanili attive sul territorio e il Direttore dell’Agenzia Nazionale per i Giovani, Domenico de Maio.
Scopo dell’incontro quello di favorire la partecipazione di giovani dell’area vasta del cagliaritano ai programmi di mobilità, volontariato e formazione ideati dalla Commissione Europea e coi quali operiamo quotidianamente.

Nel corso dell’incontro abbiamo avuto la possibilità di intervenire presentando il progetto “A green path 4(youth): a network among islands” che verrà ospitato in Sardegna dal 11 al 17 Dicembre 2019. Il progetto, al cui interno è prevista una mobilità per operatori giovanili, affronta il delicato tema della condizione di insularità e della valorizzazione di aree interne e periferiche.

“A Green Path(4)Youth: A Network Among Islands”, coinvolgerà 21 operatori giovanili provenienti da 8 isole: Sardegna, Malta, Irlanda, Islanda, Cipro, Madeira, Saint Marteen, Creta e Azzorre.

Nel corso della giornata è stato inaugurato il truck di Unica Radio, la radio sarda del network radiofonico dell'Agenzia Nazionale per i Giovani, mezzo mobile che racconterà il territorio e la città. 



Il mezzo radiofonico è stato inaugurato dal Direttore dell'Agenzia Nazionale per i Giovani, Domenico De Maio, e dai tanti giovani della comunità locale incuriositi dalla radio su quattro ruote di Unica Radio.

martedì 22 ottobre 2019

IV Edizione di Connessioni – La Fiera del volontariato internazionale in Sardegna


Il 20 Ottobre 2019 abbiamo preso parte a “Connessioni” la fiera del volontariato internazionale che si svolge, ormai da 4 anni, in Sardegna e viene organizzata dalla rete CASMI – Comitato Associazioni Sarde per la Mobilità Internazionale, del quale facciamo parte.

L’evento è stato patrocinato dal Comune di Cagliari, dalla Regione Autonoma della Sardegna e dal Centro d'informazione Europe Direct Regione Sardegna.
L’evento, che intende essere un momento di dialogo e confronto, ha avuto come obiettivo quello di favorire l’incontro tra Istituzioni, organizzazione del terzo settore e cittadini, per la condivisione di buone pratiche e la realizzazione di progetti nell’ambito dei programmi europei per la mobilità, il lavoro e la formazione.

L’agenda dei lavori si è aperta con i saluti del vice Presidente regionale e Assessore al lavoro Alessandra Zedda; a seguire gli interventi del Presidente del Consiglio Comunale Edoardo Tocco, dell’Assessore alle attività produttive Alessandro Sorgia e del consigliere regionale Fausto Piga.

Nel corso della mattinata i nostri volontari hanno illustrato, ai tanti visitatori, le attività che quotidianamente la nostra associazione porta avanti, sia a livello locale che in ambito internazionale. Riguardo quest’ultimo, in particolare, abbiamo illustrato i prossimi percorsi formativi che prevedono la partecipazione ad attività quali scambi di giovani, corsi di formazione, seminari. Tali attività, permettono a giovani di età compresa tra i 18 e i 30 anni di prendere parte a esperienze qualificanti e dal carattere altamente formativo che si realizzano nell’ambito del programma europeo di mobilità Erasmus+.




Nella seconda parte della manifestazione, grazie alla partecipazione ai laboratori e ai workshops, abbiamo avuto la possibilità di conoscere meglio le associazioni coinvolte, confrontarci e discutere con loro di future idee progettuali.

lunedì 29 luglio 2019

Una rete di isole per il rilancio del turismo nelle aree rurali


A Green Path(4)Youth: A Network Among Islands è il nome del progetto che verrà ospitato nel mese di dicembre in Sardegna sul tema del rilancio dello sviluppo e del turismo nelle aree rurali. Come si evince dal nome stesso, il progetto intende porre in evidenza e concentrare lo studio e l’analisi su due argomenti principali: la condizione di insularità e lo sviluppo delle aree interne dei paesi coinvolti.

Più nello specifico esso intende approfondire l’impatto della condizione di insularità sul fenomeno della promozione e del rilancio delle aree interne. La valorizzazione dei territori è oggi  condizione necessaria per creare solide basi economico-sociali, combattere lo spopolamento, creare occupazione e coinvolgere le comunità che la abitano. Le comunità hanno un ruolo determinante nel porre al centro del dibattito il paesaggio declinato in tutte le sue più importanti sfaccettature: ambientale, umano, sociale, culturale e identitario.
La condizione di insularità, strettamente legata al concetto di mobilità, purtroppo ne limita la potenzialità attrattiva. In ragione di ciò si rende necessario creare nuove reti finalizzate a identificare debolezze e ambiti di miglioramento; sviluppare modelli comunicativi e di marketing in linea con il mercato che cambia; trasmettere buone pratiche e che facciano leva sui concetti di formazione, qualità e professionalizzazione partendo dalle giovani generazioni.
Proprio queste ultime saranno protagoniste e beneficiarie del percorso formativo previsto dal progetto “A Green Path(4)Youth: A Network Among Islands”, che coinvolgerà 21 operatori giovanili provenienti da 8 isole: Sardegna, Malta, Irlanda, Islanda, Cipro, Madeira, Saint Marteen, Creta e Azzorre.





L’agenda delle attività prevede sessioni formative aventi carattere itinerante che coinvolgeranno diversi comuni delle aree interne della Sardegna (Trexenta, Barbagia di Seulo, Campidano di Cagliari, etc.) e lo sviluppo dei seguenti moduli formativi: imprenditoria, amministrazione e organizzazione, marketing, comunicazione e fotografia.  Le buone pratiche raccolte e gli strumenti sviluppati verranno raccolti in un manuale finale che verrà distribuito nei paesi coinvolti.
“A Green Path(4)Youth: A Network Among Islands” è un progetto che rientra nell’Azione Chiave 1 del Programma di Mobilità Erasmus+, l programma dell'Unione europea per l'Istruzione, la Formazione, la Gioventù e lo Sport.


lunedì 20 maggio 2019

Prossime opportunità di formazione per giovani


SCAMBIO GIOVANILE: EuTh  MEDIA

Data: 29 Giugno -7 Luglio 2019

Descrizione del progetto: Lo scambio giovanile "Euth Media" si terrà alla fine del mese di Giugno 2019 nella città di Dobrinishte in Bulgaria . Il tema principale è l’educazione all’uso consapevole degli stumenti del web e dei social media; e includerà 30 ragazzi dai 18 ai 30 anni da 6 paesi. Il progetto intende favorire una piena comprensione di cosa sono i media literacy, introdurre i partecipanti nel mondo dei media digitale, riconoscere le fake news e  aumentare la consapevolezza dell'hate speech sia online che offline.

Numero di partecipanti richiesti: 4 partecipanti tra i 18 ai 30 anni + 1 group leader

Per maggiori informazioni e per candidature contattare l’Associazione Studenti per la Città al seguente indirizzo: associazionestudentiperlacitta@gmail.com

Condizioni di partecipazione: formazione, vitto e alloggio coperti al 100%, spese di viaggio rimborsate fino a 275 € in linea con le regole del Programma Erasmus Plus.


SCAMBIO GIOVANILE: TALES FOR A BETTER EUROPE

Data: 17 Luglio-24 Luglio 2019

Descrizione del progetto: Il progetto "Tales For a Better Europe" si terrà a Luglio a Tallin in Estonia. Il tema principale del progetto ha come obbiettivo enfatizzare il concetto di diversità e differenza culturale. Questi obbiettivi verranno raggiunti tramite l'uso delle fiabe e del teatro delle marionette. Grazie a queste fiabe si potrà cogliere appieno il concetto di diversità e dialogo interculturale. La metodologia usata sarà quella dell'educazione non formale, focalizzandosi principalmente sull'uso delle fiabe di ogni paese per spiegare i valori.
 
Numero di partecipanti richiesti : 5 partecipanti di età compresa tra i 18 e i 30 anni + 1 group leader.

Per maggiori informazioni e per candidature contattare l’Associazione Studenti per la Città al seguente indirizzo: associazionestudentiperlacitta@gmail.com

Condizioni di partecipazione: formazione, vitto e alloggio coperti al 100%, spese di viaggio rimborsate fino a 360 € in linea con le regole del Programma Erasmus Plus.



SCAMBIO GIOVANILE: SAFE PORT- STRATEGIES OF COMMUNITIES OF MIGRANTS AND REFUGEES

Data: Dal 2 Luglio al 9 Luglio 2019

Descrizione del progetto: Lo scambio giovanile "Safe Port" è un progetto promosso dalla Municipalità di Fundao. Il tema principale di questo scambio giovanile concerne l'integrazione dei rifugiati e ha come obbiettivo quello di promuovere tra i giovani delle iniziative che possano generare in loro uno spirito di integrazione e creazione di opportunità di accoglienza nei confronti dei rifugiati.
La metodologia è quella dell'educazione non formale,dando la possibilità ai partecipanti di imparare in modo pratico.

Numero di partecipanti richiesti: 5 partecipanti con età compresa tra i 18 e i 30 anni + 1 group leader.

Per maggiori informazioni e per candidature contattare l’Associazione Studenti per la Città al seguente indirizzo: associazionestudentiperlacitta@gmail.com

Condizioni di partecipazione: formazione, vitto e alloggio coperti al 100%, spese di viaggio rimborsate fino a 275 € in linea con le regole del Programma Erasmus Plus.


SCAMBIO GIOVANILE : UP THE MOUNTAIN-SPORTS FOR LIFE

Data: dal 1 al 10 Agosto 2019

Descrizione progetto: Il progetto "Up the Mountain-Sports for life" che si terrà a Covilha in Portogallo ha come obbiettivo principale quello di promuovere un ruolo più attivo dei giorni nella società Europea. Sotto quest'ottica il progetto è stato sviluppato con l'obbiettivo di promuovere competenze e metodi per superare le iniquità e allo stesso tempo ottenere nuove competenze riguardanti numerosi campi.
Le attività si baseranno su metodologie non-formali di educazione, attività pratiche, simulazioni e laboratori all’aria aperta.

Numero partecipanti richiesti: 4 partecipanti + 1 group leader

Per maggiori informazioni e per candidature contattare l’Associazione Studenti per la Città al seguente indirizzo: associazionestudentiperlacitta@gmail.com

Condizioni di partecipazione: formazione, vitto e alloggio coperti al 100%, spese di viaggio rimborsate fino a 275 € in linea con le regole del Programma Erasmus Plus.